Rezdora 2.0

Rezdora 2.0Rezdora 2.0 è una piccola rubrica settimanale che curo a partire dal 16 ottobre 2013 su TRC, l’emittente regionale emiliano romagnola. Ogni mercoledì alle 11.15 circa avrò un ospite che mi racconterà un modo diverso di vivere la cucina. Parleremo di sostenibilità, benessere, stagionalità dei prodotti e cultura legata al cibo.

 

 

Puntata 1 – 16 ottobre 2013 
Ospite: Sara Fantoni, comproprietaria del Bar Schiavoni di Modena in cuis i preparano i famosi panini gourmet.

Puntata 2 – 23 ottobre 2013
Ospite: Andrea Panzavolta, verduraio appassionato di tutto ciò che è bio e buono

Puntata 3 – 30 ottobre 2013
Ospite: Martina Liverani, giornalista e scrittrice appassionata di storie e di cucina.

Puntata 4 – 6 novembre 2013
Ospite: Caterina Zanfi, Rezdora Expat che vive a Parigi da oltre 10 anni e si impegna per la diffusione della cultura del cibo italiano

Puntata 5 – 13 novembre 2013
Ospite: Niccolò Colombini, psichiatra del Dipartimento di Salute Mentale della Ausl di Modena con cui abbiamo parlato del rapporto tra cibo e umore.

Puntata 6 – 20 novembre 2013
Ospite: Elisabeth Mantovani, astrologa ed esperta di storia dell’arte, con cui abbiamo parlato dell’influenza delle stelle sui nostri gusti a tavola. Nota: faremo di sicuro una seconda puntata con Elisabeth perchè l’argomento è troppo vasto.

Puntata 7 – 27 novembre 2013
Ospite: Lara Gilmore, rezdora acquisita per “amore”. Nel 1997 si è trasferita a Modena per seguire Massimo Bottura con cui è sposata. Abbiamo parlato del Giorno del Ringraziamento e di come passarlo in maniera speciale anche a Modena.

Puntata 8 – 4 dicembre 2013
Ospite: Nico Lusoli, fiduciario della Condotta Slow Food di Modena. Nel 2007 ha fatto parte del team di progetto di “Storie di Terra e di Rezdore” che ha dato vita ad un portale e a un documentario dedicato alle tradizioni del modenese.

Puntata 9 – 11 dicembre 2013
Ospite: Chiara Simonini, antiquaria e blogger. Con le abbiamo parlato dell’utilizzo del vintage nella vita di tutti i giorni e come rendere speciale la tavola usando alcuni pezzi particolari.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *