Da Giovenale a Rezdora 2.0 cercando “Panem et Circenses”

“Ci siamo divertiti!”

Quando Ludovico Pensato e Alessandra Ivul hanno commentato così i trenta minuti passati con me e Miriam Accardo a TRC, mi sono sentita sollevata. La diretta non è cosa semplice e far sentire così tranquilli gli ospiti è frutto di una predisposizione rara che deve essere agevolata dall’ambiente e dal gruppo. La cosa buffa è che io ho presentato il duo “Panem et Circenses” come “i più distanti dal mio concetto di Rezdora 2.0”. Il loro modo di intendere il cibo è come veicolo d’arte e di comunicazione anche con scelte stilistiche estreme e poco confortevoli per gli ospiti. Siamo riusciti però a divertirci e a trovare il punto di unione con questa mia ricerca della nuova Rezdora (o l’incontro con la vecchia, ancora non ho capito). Anche senza tavola, tovaglia, piatti, forchette e bicchieri, il cibo ci mette in relazione ed è ricco di significati, messaggi, risvolti etici ed estetici. Non si finisce mai di esplorarne le sfaccettature. L’importante è essere curiosi e divertirsi.

Leave a Comment

Filed under Personaggi, Rezdora 2.0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *