Rezdora 2.0 – La prima puntata (non si scorda mai)

“Acc…ci inquadrano le gambe…”

“Oddio, hai ragione…”

Questo lo scambio di battute con Sara Fantoni poco prima di entrare in studio. Entrambe ci eravamo truccate, ma ai piedi indossavamo gli stivali e pure senza tacco. Poco chic? Che pensieri strani si fanno prima di andare in diretta! Ma lei doveva tornare al bar e io dovevo poi mettermi in macchina per una trasferta: i tacchi proprio erano off limits!

Il 16 ottobre è andata in onda la prima puntata di “Rezdora 2.0” la piccola rubrica che terrò su Trc (canale 15 del digitale terrestre o in streaming qui) all’interno del programma “Detto tra noi” che ogni mattina si occupa di approfondire i temi di attualità e raccontare storie. Miriam in studio e Francesca al coordinamento redazionale sono una forza. Per una tv locale (di portata regionale) è un bell’impegno togliere spazio ad attività economicamente più convenienti (leggi televendite) e lanciarsi in un programma settimanale. E in diretta.

Io e Sara ci eravamo preparate un po’ prima. In 15 minuti abbiamo raccontato del Bar Schiavoni e della tradizione del panino col cotechino.

Purtroppo, è rimasta fuori tutta la parte sulla storia di Sara, la sua gavetta dopo il liceo linguistico e l’approdo da Schiavoni. In più volevo affrontare con lei il tema a me caro della vita di una donna che ha scelto di lavorare in cucina. Sara apre al mattino prestissimo e chiude verso le 15.00. Alcuni giorni fanno anche l’apertura in orario aperitivo e, comunque, c’è la spesa da fare, il menù da ideare, gli ingredienti da preparare. Lei e la sorella si dividono il lavoro, ma è compatibile con quanto richiesto alla donna oggi? Conciliare il tempo di lavoro e di cura (per sè e per la propria famiglia)?

Sara non sembra preoccupata al momento e ha un atteggiamento molto positivo. Ma anche per lei il problema c’è e di sicuro ci sarà in un futuro in cui ci sarà un marito e chissà che altro. Torneremo a parlarne. Nel frattempo, son contenta di aver condiviso con lei il mio ritorno davanti alla telecamera.

 

 

Leave a Comment

October 23, 2013 · 10:33 am

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *