Qualcuno ha detto “piccione”? I segni del destino e il menù del Postrivoro dell’8 e 9 dicembre

[Non fatemi finire così! Votatemi su Grazia ]

Un po’ mi sono sentita come Tippy Hedren negli uccelli di Hitchcock, lo confesso.

Sono settimane che in un modo o nell’altro sento solo parlare di piccioni e quando ho ricevuto il menù di Leandro Carreira per il prossimo Postrivoro ho pensato: ecco tutto torna!

Prima ci si è messo Carlo Spinelli, poi Eugenio Boer che presenta il “giuoco del piccione” creato dalla sua compagna, Emma. Dopo una valanga di segni su twitter, pinterest, facebook, wordpress, infine, discussione con lo staff di Postrivoro sulla differenza tra colombacico e piccione (che la grandissima Luciana Bianchi ha risolto creando l’animale immaginario: piccionbaccio!)

Tutto questo per presentarvi con cosa andremo a divertirci sabato 8 e domenica 9 a Faenza. Cosa mi aspetterà nel 2013?

Il menù con l’ospite incriminato di Leandro Carreira

Infuso di ceci tostati, cipolle cremose e profumo di anice
Scorzonera, corteccia di abete rosso, patate, fiori tostati e foglie amare
Branzino, burro nocciola e cipollotto
Tendini di maiale, scampi, manzanilla e rapa bianca
Piccione, erbe invernali e sensazioni di terra
Uovo cannella e cioccolato

La jam session di vini di Marina Bersani
Franciacorta Blanc de Blancs Brut Collezione Grandi Cru 2007 Cavalleri
Langhe Bianco Coste di Raviolo 2007 San Fereolo
Pecorino d’Abruzzo 2011 Tiberio
Ageno 2008 La Stoppa
Fontanasanta Manzoni Bianco 2010 Foradori
Sicilia Rosso Vino di Anna 2008
Sacrisassi Rosso 2008 Le Due Terre
Teroldego 2009 Foradori
Quintessenza Amaro Nonino

 

Il caffè selezionato da Nik Orosi
Ethiopia Yirgacheffe Espresso

Leave a Comment

Filed under Postrivoro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *